Ti trovi qui:Home»Notizie dal Comune »Buoni servizio anziani e disabili, dal 15 luglio al 15 settembre 2021, al via la nuova finestra temporale
Lunedì, 12 Luglio 2021 10:37

Buoni servizio anziani e disabili, dal 15 luglio al 15 settembre 2021, al via la nuova finestra temporale

Parte giovedì 15 luglio (ore 12.00) la nuova fase di presentazione delle domande per i Buoni servizio per l’accesso ai servizi a ciclo diurni e domiciliari per anziani e persone con disabilità (VI annualità operativa 2021/2022 di cui all’avviso pubblico n. 1/2017).

Per produrre le istanze ci sono due mesi di tempo. La scadenza è infatti fissata al 15 settembre 2021 (ore 18.00). Contestualmente, nello stesso periodo, si svolgeranno le procedure di “abbinamento” a cura dei soggetti gestori.

La finestra temporale è stata anticipata rispetto alla partenza canonica di settembre con atto dirigenziale n. 1048 dell’8 luglio 2021.

In caso di ammissione al beneficio – a seguito di apposita istruttoria curata dall’ambito territoriale sociale di riferimento – il buono servizio coprirà fino a un massimo di 12 mensilità, dal 1° ottobre 2021 sino al 30 settembre 2022.

Come presentare istanza. Le domande, come consueto, potranno essere presentate esclusivamente online sulla piattaforma telematica dedicata, all’indirizzo http://www.sistema.puglia.it/portal/page/portal/SolidarietaSociale/Catalogo2020 – alla voce “Buoni Servizio 2020”.

Per la presentazione delle domande e degli abbinamenti a partire dalle ore 12:00 del 15 luglio 2021, le famiglie dovranno disporre del nuovo CODICE FAMIGLIA, generato attraverso le proprie credenziali SPID.  Le famiglie che dallo scorso anno possiedono già un codice famiglia, non dovranno crearlo nuovamente, ma dovranno riutilizzare quello già in loro possesso.

Che cos’è il buono servizio. Il buono servizio per disabili e anziani non autosufficienti è un beneficio economico per il contrasto alla povertà rivolto alle persone con disabilità e anziani non autosufficienti, nonché ai rispettivi nuclei familiari di appartenenza, vincolato al sostegno al pagamento delle rette di frequenza presso servizi a ciclo diurno semi-residenziale e servizi domiciliari scelti da un apposito catalogo telematico dell’offerta.

Attraverso il Buono servizio, le famiglie pugliesi possono richiedere l’accesso a una delle seguenti tipologie di servizio presenti sul catalogo telematico dell’offerta, ad un costo significativamente contenuto:

 Strutture a ciclo diurno

-          Centro diurno socio-educativo e riabilitativo per persone con disabilità (in precedenza art. 60 del R.R. 4/2007, ora art. 3 del R.R. n. 5/2019)

-          Centro diurno integrato per il supporto cognitivo e comportamentale a persone affette da demenza (in precedenza art. 60 ter del R.R. 4/2007, ora art. 3 del R.R. n. 4/2019)

-          Centro diurno per persone anziane (art. 68)

-          Centro sociale polivalente per persone con disabilità (art. 105)

-          Centro sociale polivalente per persone anziane (art. 106)

Servizi domiciliari

-          Servizio di Assistenza Domiciliare sociale (SAD – art. 87)

-          Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI – art. 88)  – per la sola componente sociale del 1° e 2° livello

Il Buono Servizio copre una percentuale della retta di frequenza dei servizi, da un minimo del 20%, sino ad un massimo del 100% in base al valore ISEE di riferimento (del singolo o della famiglia secondo i casi), al netto di una franchigia fissa di soli 50 euro mensili per l’accesso a servizi a ciclo diurno, a carico dei nuclei familiari.

Chi può accedere. Per accedere al beneficio, è necessario che il destinatario finale (persona con disabilità o anziano non autosufficiente) abbia i seguenti 3 semplici requisiti:

  1. possesso di un PAI (piano assistenziale individuale= in corso di validità, per l’accesso a prestazioni socio-sanitarie ex artt. 60, 60 ter, 88. Ovvero, nel caso di accesso a prestazioni socio-assistenziali ex artt. 68, 87, 105, 106, possesso di una Scheda di Valutazione Sociale del caso in corso di validità;
  1. ISEE ORDINARIO del nucleo familiare in corso di validità non superiore a 40mila euro
  1. In aggiunta, nel solo caso di disabili adulti e anziani non autosufficienti, anche: ISEE RISTRETTO in corso di validità non superiore a 10mila euro (se persone con disabilità) e non superiore a 20mila euro (se anziani non-autosufficienti over65).

Per richiedere informazioni è possibile utilizzare la funzione “Richiedi Info” presente sulla piattaforma dedicata, oppure scrivere all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o contattare il recapito telefonico 080/5403282.

Social & Media